Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 
Vito Andrea Morra Direttore Orchestra Sinfonica
Immagine: © Egidio Magnani

The Quarrymen - quando il rock incontra l'Orchestra Sinfonica di Bari

02/08/2006

5 mesi fa siamo stati contattati dall’ideatore di questa “pazzia” , il direttore del Conservatorio di Bari - Marco Renzi - che ci ha invitato per suonare assieme all’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari – e così che Renato Ciardo, batterista dei Quarrymen, ha presentato l’inedita proposta che li ha visti impegnati ieri sera 1 Agosto, nel parco dell’auditorium “Nino Rota” del Conservatorio “Piccinni”.

Marco Renzi chiamato in causa, ha dichiarato che le pazzie non si possono attuare da sole e lui si è avvalso di collaboratori eccezionali : l’Orchestra, che ha eseguito le prove in ambienti con temperature che si aggiravano sui 40 gradi, e quella del Maestro Vito Andrea Morra – direttore ed arrangiatore dei brani in programma – che aveva sentito parlare dei Quarrymen , come un gruppo d’eccellenza e molto affiatato.

E così che è iniziata questa avventura del quartetto barese dei Quarrymen che per la prima volta li ha visti impegnati con un’orchestra sinfonica di 60 elementi, proposta inedita anche per il territorio nazionale.

Antonio Tuzza (chitarra, pianista, voce), Renato Ciardo (batterista e voce), Simone Martorana (voce, chitarrista – guarda caso anche mancino proprio come Paul McCartney) , Alessandro Loprieno (basso e voce) , ossia la band dei Quarrymen hanno eseguito brani dei loro beniamini “The Beatles” con l’insolita formazione allargata e così brani dove proprio i Beatles avevano previsto l’intervento di sezioni di archi come “Eleanor Rigby” appaiono più suggestive ed emozionanti.

Ed è proprio questo il sentimento che ieri sera ha provocato per gli amanti dei Beatles e non solo, ascoltare i testi del quartetto di Liverpool con nuovi arrangiamenti proposti da Vito Andrea Morra, che hanno migliorato se non rafforzato l’esecuzione stessa, rimanendo fedele agli originali.

Il programma ha ripercorso con 20 canzoni la storia della mitica band britannica, e ascoltandoli ad occhi chiusi, sembrava di stare a sentire i quattro scarafaggi inglesi.
E’ stato difficile trattenere la tentazione di cantare con loro e battere le mani a suon di musica, come se fossimo allo stadio, ma dato il luogo dell’esecuzione l’atteggiamento è stato molto contenuto.

Il repertorio ha visto anche alcuni brani cantati solo dalla band come : Help – Can’t buy me love – I feel line – e Ticket to ride, ed alcuni con l’ausilio della chitarra acustica di Vito Tatone.
La sequenza ha visto la presentazione di – Hello Goodbye – della mitica Michelle e leggendarie Let it be, Penny Lane, Revolution e Yesterday, della piacevolissima sonorità di While my guitar gently per terminare con Hey Jude, dove la band ha chiesto al pubblico di cantare con loro il ritornello.

Un connubio riuscito della cover band barese dei Quarrymen e l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari dove il rock si è integrato piacevolmente con la composizione orchestrale un’occasione da non perdere e per chi non ha potuto seguire l’appuntamento di ieri , niente paura.

Il calendario dei Quarrymen prevede altri appuntamenti :
mercoledì 2 agosto 2006 a Noci in Piazza Garibaldi
giovedì a Bitonto in Piazza Cattedrale
venerdì a Bitritto in Piazza Moro
e concluderanno la loro performance sabato con il concerti organizzato nel Villaggio Fontanelle, tutti a partire dalle ore 21.00.

Anna De Marzo

 

 
 

Puglialive.net - Testata giornalistica - Reg.n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile: Nicola Morisco

Powered by studiolamanna.it